Sará il caffè...

"Un caffé macchiato per favore, grazie" chiede la signora alla barista nell'unico locale del centro commerciale dove si puó bere la nera bevanda...
"Dal 1906 il caffé é la nostra passione", afferma sentimentalmente la scritta sui mobili coloniali voluti da un imprenditore fantasioso, studiati da un bravo architetto, disegnati da un volenteroso grafico, costruiti da un caparbio artigiano, montando pezzi prodotti da un preoccupato operaio...
Ognuno con il suo carico di felicità e dolori, ognuno che crede che comunque qualcosa c'é da fare per tenere la barra della propria esistenza a dritta.
Magari non é sempre la cosa più bella del mondo e bisogna abbozzare fino a quando non migliora... ma fin qui tutti ci hanno creduto. E hanno fatto la loro parte.
Hanno dovuto fare e affidare al prossimo anello la loro speranza.
Il loro messaggio in bottiglia.
In cambio qualcosa per realizzare i propri sogni. Dal pane al viaggio, dalla casa al casinó.
Che poi per tutti uguale, si sa, non é.
Ma questo, per ora, é il gioco migliore che ci siamo inventati.
Hanno tutti dovuto o voluto fare come il contadino che, spezzato, ha piantato il caffè, il commerciante che lo ha trasportato, il distributore, il camionista, il magazziniere... ma quanta gente c'é dietro una tazzina di caffé macchiato servita?
"Un caffé macchiato per favore, grazie".
Una tazzina di plastica ballonzola gettata come un dado sul bel bancone dell'unico bar del centro commerciale.
"Mi perdoni", dice gentile la signora, " potrebbe per favore metterlo in una tazzina di ceramica"?
Sono lì, in bella mostra. Fanno parte della scena che qualcuno ha pensato per rendere gradevole quella sosta.
Dovrebbero essere usate per fare contenta la signora e coronare una impresa che ha visto mille mani passarsi il testimone per finire bene... con una signora felice di bersi con calma un caffè e pagare il giusto.
"Queste sono le tazzine che ci passano, se le va bene... sennó... lo beve da un'altra parte..."
La barista ha parlato e ha chiuso la partita. Chissá perchè questa piccola cattiveria. Chissà perche lei non ci ha creduto. Chissà dove è diretta...
La signora la guarda un pó triste, si caccia in gola quel caffé e se ne va mormorando un rosario di lamentele.
Fracassando la catena, il patto tacito, l'accordo che doveva chiudersi con un sorriso per tutti.
Un anello debole. Ne basta uno. E tutta la catena cede.
Sembra perdere solo la signora.
Quando succedono queste cose perdiamo tutti.
Un po' di lavoro, un po' di soldi, un po' di cuore, un po' di anima.
Sará il momento.
Sará il caffè.

.

Newsletter


"L'unico posto dove stare è qui. L'unico momento è ora. L'unico posto dove andare è il futuro. E lì ci si va solo se tieni acceso il significato di ciò che fai".
Sebastiano

È un piacere per me darti il benvenuto sul mio sito. Se desideri iscriverti alla newsletter sarà un piacere tenerti informato sulle mie attività. Non preoccuparti, sto sempre molto attento a non disturbare chi mi fa regalo della sua attenzione. Grazie

Indirizzo Email
Nome
Cognome
Provincia
Secure and Spam free...
Inoltre se ti va questa è la mia pagina Facebook pubblica, dove troverai spesso link ed aggiornamenti sui temi legati alla motivazione individuale e dei gruppi.